Arthur in panchina. Messaggio per la Juve?

di Sabino Palermo |

IL BARCELLONA RIPARTE, MA SENZA ARTHUR: SEGNALE IMPORTANTE PER LA JUVE?

La Liga riapre senza sorprese per il Barcellona, che batte in trasferta 4-0 il Mallorca: rete di Messi, invasione di campo ma – soprattutto – panchina iniziale per il brasiliano Arthur. Precauzione per evitare guai fisici o mossa societaria per mettere pressioni sul mercato in uscita?

L’ASSE INFUOCATO – Come raccontato nel corso di quest’ultimo mese, l’asse Barcellona-Juventus è diventato letteralmente incandescente. Non è una sorpresa l’interesse dei catalani per Pjanic, e la contromossa bianconera nei confronti di Arthur, per uno scambio che darebbe l’avvio ad una sessione di calciomercato creativa e “smart”. La mossa di Setien, comunque, ha fatto discutere e il tavolo imbandito tra le due società sta riprendendo vigore nelle ultime ore. Lo stesso allenatore, prima della gara, interpellato su Arthur ed altri giocatori “chiacchierati” aveva così risposto: “Non commento i rumors, perché dobbiamo concentrarci sul campo. Arthur è un gran calciatore come tutti gli altri suoi compagni”.

AL CENTRO DI TUTTO – Entrato al 71’ al posto di Busquet, il brasiliano prima dello stop aveva disputato da titolare le ultime 3 gare di Liga, compreso il Clasico perso, ed era subentrato solo nel match di Napoli in Champions.

Il brasiliano, circondato di dubbi e sacrificabile per le casse del Barcellona, diventa così un pezzo pregiato di mercato da non farsi sfuggire. Un piccolo spiraglio si è aperto, voluto o meno, e la Juventus è pronta a convincere Arthur a diventare il centro del centrocampo bianconero: sarà capace Paratici a convincere definitivamente l’asso della Seleçao a vestire bianconero?