Ancelotti e l’ossessione Juve in Champions: “Final Eight ideale per loro”

di Valerio Vitali |

ancelotti

La Juventus è attesa venerdì da un appuntamento fondamentale in Champions League contro il Lione. La sfida di ritorno degli ottavi di finale della coppa più ambita è sicuramente il match più atteso dell’anno a Torino. Un pensiero che spesso ha offuscato le menti dei tifosi juventini e che puo’ marcare una linea spartiacque anche sulla permanenza di Sarri in bianconero. Da più parti si è notato come per la Juventus la Champions League rappresenti un’ossessione. Non dovrebbe essere così, ma il pensiero di Ancelotti su questo è argomento è di completa controtendenza.

L’ex tecnico del Napoli ha infatti così commentato l’imminente sfida coi francesi: “Per vincere la Champions ci vogliono incoscienza, fortuna e coraggio. La Juventus ha l’ossessione per questa coppa, ma questo puo’ rappresentare una motivazione in più. Raggiungere la finale è sempre il massimo, il resto è nelle mani di Dio. Penso poi che le Final Eight siano un vantaggio per loro. In un torneo a gara secca la squadra di Sarri ha caratteristiche più congeniali”. 

Un vero e proprio attestato di stima quello dell’allenatore emiliano, che di certo ha molta esperienza in questa competizione. Nei suoi due anni e mezzo alla Juventus pero’ non si ricordano chissà quali imprese, ma forse era ancora troppo acerbo all’epoca. Nella sua lucida analisi pero’ c’è molto di vero. L’ossessione dell’ambiente per la Champions, la congenialità delle partite a gara unica e lo stimolo alla rimonta. Tante le componenti che possono giocare un ruolo fondamentale nella rincorsa alle Final Eight di Lisbona, dove si attende con grande trepidazione quel ‘profeta in patri’, alias Cristiano Ronaldo che ha l’obbligo di essere decisivo. Nella notte di venerdì come in quella di un anno e mezzo fa contro l’Atletico.


JUVENTIBUS LIVE