Perché Morata merita il rinnovo della Juventus

di Valerio Vitali |

morata

Alvaro Morata merita il rinnovo da parte della Juventus. L’attaccante spagnolo, che fino ad ora è stato decisivo in gran parte della stagione bianconera, ha vissuto momenti altalenanti, dovuti a motivazioni anche extra campo. Certo, nell’immaginario collettivo l’attaccante della Juve deve essere pronto a buttarla dentro almeno 20 volte a campionato, ed è lì l’unica pecca che gli si puo’ trovare.

Nelle notti europee pero’ il numero 9 c’è quasi sempre stato. A Oporto ha giocato 30 minuti, nel match di ritorno pero’ una gara da 5 in pagella. Insomma, nulla a che vedere con le prestazioni offerte durante la prima parte della Champions. Il primato nel girone Champions è infatti per gran misura opera sua.

Ricordate la doppietta in Ucraina contro la Dynamo Kiev? Oppure il gol all’ultimo secondo contro il Ferencvaros in un sudatissimo (eufemismo) 2-1 contro la compagine ungherese? Ebbene, lì il suo zampino c’è sempre stato, a conferma che le serate migliori, per lui, combaciano sempre con gli appuntamenti europei. Rispetto allo scorso anno, quando Higuain era palesemente arrivato al fine corsa della sua prestigiosissima carriera, c’è stato uno step in avanti.

Paragonando i 16 gol di Morata (al momento con ancora 10 gare alla fine compresa la finale di Coppa Italia) agli 11 gol stagionali del ‘Pipita’ la stagione passata, l’ago della bilancia pesa tutto dalla parte di Alvaro. Sebbene la sua stagione possa identificarsi a “macchia di leopardo”, con lacune sparse qua e là e assenze forzate (vedasi il citomegalovirus che lo ha portato più volte a stare male), la sua prima annata indichi la via di un riscatto per Morata.

Sapevamo che il centravanti iberico non sarebbe venuto a fare grappoli di gol. Non è mai stato nelle sue corde e il suo score stagione per stagione non ha quasi mai superato le 20 marcature. Non è mai stato “goleador”, né al Chelsea, né al Real, né all’Atletico. Serviva un attaccante ideale per Cristiano? Bene, eccoci accontentati.

Lo sarebbe lui forse più di un Icardi o di un Dybala? Certamente sì, anche per status e per anni giocati assieme a CR7. I suoi 12 assist poi sono la testimonianza perfetta a questo discorso, che veniva fatto a inizio e che dovrà essere fatto di nuovo a breve per decidere sul rinnovo del suo prestito. Nuovi 10 milioni per un calciatore che, al netto di alcune partite (e contropiedi) sprecate, ha dimostrato costantemente di meritare sul campo e fuori il riscatto e una maglia Juve anche il prossimo anno. Poi si vedrà.