Tutti i segreti dell’algoritmo scudetto di Gravina

di Toccoditacco |

Dopo giorni di discussioni e riunioni, il calcio Italiano ha deciso di ripartire. Si rigioca dal 20 Giugno (con l’antipasto della Coppa Italia) e le partite giocate in tre fasce orarie: 17.00 19.15 e 20.30. Ora non resta che decidere come assegnare questo Scudetto, visto che pare che arrivare davanti a tutti non basti più.

  • Il piano A rimane giocare le restanti partite come da calendario
  • il piano B sono i play-off ma da oggi, udite udite,
  • abbiamo anche il piano C, giusto per non farci mancare nulla.
  • In attesa ovviamente del piano D, ovvero “D..arlo alla Lazio e andarcene tutti al mare”.

Il piano C, dicevamo, prevede, in caso di ulteriore sospensione del campionato, l’assegnazione del titolo decisa dall’algoritmo. O dall’alcolismo, viste le proposte che si leggono negli ultimi giorni. Ma quali sono i coefficenti e le variabili per determinare la classifica finale?

Intanto la Lazio guadagna già 3 punti per la partitella segreta giocata e vinta a Formello e che la proietta al momento al primo posto solitario in classifica.

Poi l’Inter che vendendo Icardi al PSG mette a bilancio una plusvalenza record di 50 milioni+7 di bonus. I bonus verranno convertiti in punti in classifica.

Per la Juve invece l’algoritmo prevede complicati coefficienti in base alle partite mancanti:

BOLOGNA-JUVE: Intanto ricordiamo che in base alle norme di sicurezza, saranno vietati assembramenti fuori dallo stadio, pertanto per tirare sassi e sprangate al pullman della Juve servirà stare a 1 metro di distanza l’uno dall’altro e caricare muniti di mascherina. I sassi vanno disinfettati prima con l’amuchina. Grazie per la collaborazione.

Al Bologna, che per l’ennesima volta giocherà senza Petruzzi e Nastase, squalificati sapientemente dalla gestione dei cartellini, l’algoritmo concede un coefficiente di indennità pertanto assegna la vittoria al Bologna.

JUVENTUS-LECCE: L’algoritmo per un errore tecnico viene tarato con i dati di otto anni fa e a referto viene omologato il risultato di 1-1 del 02-05-2012 con il gol di Bertolacci.

GENOA-JUVENTUS: L’algoritmo, dopo aver ricevuto una valigetta piena di soldi, assegna la vittoria al Genoa.

JUVENTUS-TORINO: La Juventus è favorita, ma sulla Gazzetta Cairo fa stampare 12 pagine con il tabellino, la cronaca e le interviste a Casagrande del derby del 91-92 e l’algoritmo impazzisce: vittoria assegnata ai granata.

MILAN-JUVENTUS: Il Milan non perde una partita da tre mesi, l’algoritmo lo crede una squadra imbattibile, ma soprattutto lo crede una squadra: assegnata la vittoria al Milan.

JUVENTUS-ATALANTA: L’algoritmo riconosce all’Atalanta i tre punti del bel gioco. Vittoria ai nerazzurri a tavolino (questa è vecchia ma, fa sempre ridere)

SASSUOLO-JUVENTUS: Il Sassuolo, si sa, si scansa. Ma l’algoritmo, quello no: inflessibile, assegna la vittoria al Sassuolo e pure una doppietta a Berardi, nonostante non fosse convocato come al solito.

JUVENTUS-LAZIO: Beh, che ve lo dico a fa’.

UDINESE-JUVENTUS: L’algoritmo assegna tre punti ai bianconeri. Gli altri.

JUVENTUS-SAMPDORIA: Vittoria assegnata alla Juventus, ma i coefficienti dell’algoritmo non prevedono gol a 2,5 metri di altezza, e quindi ricalcola il risultato dell’andata annullando il gol di testa di Ronaldo. 1-1 a Marassi.

CAGLIARI-JUVENTUS: L’algoritmo non sa in quale dei vari stadi di Cagliari si giochi la partita, e assegna alla Juventus la sconfitta a tavolino per non essersi presentata, perchè la aspettava al vecchio stadio S.Elia.

JUVENTUS-ROMA: Juve-Roma alla fine ormai è una consuetudine, e si sa che i giallorossi la vittoria ce la regalano sempre, tanto all’algoritmo che gli frega, ormai siamo fuori da giochi. Tre punti a noi.