#6lajuve perché c’è bisogno di Allegri(a)

di Juventibus |

Giacomo Scutiero— Mica ho capito in chat…Sei tra quelli che lasciano fuori la porta Allegri?
Willy Signori— Non mi sarei permesso. L’allenatore è come il preside a scuola: non fa lezione, ma comanda. Deve comandare lui.
G— Ok, ma tanto è tutto inventato…
W— Come la rissa di Cardiff. Lì m’immagino Allegri fuori lo spogliatoio, che comunque da un po’ di tempo ha troppi spifferi.
G— Fossi un calciatore, farei mai da sbarra. Ti pare…Rispetto i ruoli e le gerarchie che ne derivano: l’allenatore è il boss, entra ed esce quando vuole; la società, invece, fa entrare ed uscire chi vuole. A proposito…
W— Eh. Segnali chiari dall’esterno (o dall’interno). Anche tu hai “incistato”?
G— Eh? Io? Io penso che ai tifosi spetti nulla, se non che il club faccia il massimo per vincere le competizioni. Fine. Che io sia presidente, dirigente, allenatore o calciatore, non ho il dover di colloquiare col tifoso. Io svolgo una mansione, quello sta godendo del suo tempo libero; non siamo para-colleghi, non esiste alcuna comunione.

 

W— MMM Comunque nella testa ho solo che la Juve si sciolga sul più bello. Fa strano, sono non abituato.
G— Aspetta un attimo. Ma Max va via a prescindere dai “tituli”? Va via perché è stufo? Perché è tanto onesto da suggerire alla società di cambiare guida sinceratosi che il gruppo abbia dato tutto? A quanto è quotato l’esonero?
W— Non sono esperto di scommesse, però…Dipende da lui, dipende dall’upgrade che può fare altrove. Allegri si fa lasciare, non lascia (a parte quando scappò dalla chiesa); è regolare, preciso, concreto, fa con quel che c’è, potrebbe continuare a vincere pure per altri quattro-cinque anni.

G— Pensavo ad Agnelli e Marotta che lo ringraziano e salutano…No, dai, non riesco a pensarlo. Ma non perché non abbiano la personalità, eh, ma perché il divorzio sarebbe noto da tempo e gestito per tempo. È preistoria l’allenatore che inizia il ritiro e l’abbandona dopo tre giorni, benché faccia parte dell’ultimo lustro.

W— Tutto già deciso? WOW…E la conferenza di ieri?
G— Sì, lo so. Dice che gli piace maggiormente vincere lo scudetto alla fine perché trionfare anzitempo è meno gustoso. È sorprendente in assoluto, ma non mi sorprende.
W— Che bello, sì…Come un calcio in culo con la rincorsa. Che goduria stare sul ciglio del burrone per vedere se riesci a non cadere…Beato lui che non pensa all’harakiri storico che sarebbe non vincere ‘sto scudetto.

G— Amico mio, ma tu #6LaJuve? Cioè, ci credi? Metti ancora la mano sul cuore? E quando inquadrano Allegri, che reazione facciale hai?
W— Credo nella società, si merita fiducia ad libitum. Credo nei giocatori, anche se la base storica sta morendo…E l’allenatore? Quando arrivò, era colui che serviva; ora non è quello che serve, il suo tempo doveva finire a Cardiff al di là del risultato.
C’è bisogno di un altro, di altro.

G— Bella idea #6LaJuve. Uno stratagemma elegante per ricevere decine di mezzobusti femminili.
W— Oh, non cambiare discorso e dimmi la tua su…
G— Dai, tanto ci becchiamo stasera. Allegri(a)!