5 flash di Danilo da Madrid

di Alex Campanelli |

danilo luiz da silva

Il web pallonaro bianconero e non, da qualche giorno a questa parte, pare decisamente spaccato in due riguardo a Danilo Luiz da Silva, terzino destro del Real Madrid, da non confondere con gli 800 omonimi che ne condividono lo sport, che pare essere l’erede designato di Dani Alves: acquisto di spessore europeo o flop clamoroso e annunciato?

Quando meno di due anni fa il Real ne annunciò l’acquisto dal Porto per 31,5 milioni di euro, porsi tale dubbio era considerato una follia, in quanto il terzino visto al Porto sembrava essere quanto di meglio il calcio europeo potesse offrire nel ruolo. Le difficoltà d’ambientamento nella Liga, l’esplosione del pari ruolo Carvajal e qualche piccolo problema fisico lo hanno avvicinato sempre più alla panchina del Real, tanto che sovente viene accostato il termine “scommessa” al suo eventuale acquisto.

Occhio a considerarlo una riserva fissa però: a livello di minutaggio Danilo a Madrid ha avuto numeri importanti, dato che in due stagioni ha disputato 51 gare delle quali 48 da titolare, segnando 3 gol e offrendo 9 assist. Numeri che non fanno di lui un imprescindibile, ma una pedina comunque importante nello scacchiere di Benitez prima e di Zidane poi.

Cosa dobbiamo ricordare di buono delle due stagioni spagnole di Danilo? Ecco 5 clip che riassumono al meglio le doti messe in mostra durante il suo periodo madrileno.

1 – L’inizio di Danilo con la camiseta blanca è incoraggiante: al netto di una contusione polmonare che lo tiene fuori per circa un mese, il terzino brasiliano viene proposto dal 1′ con continuità da Benitez, e contro il Celta Vigo trova il suo primo gol in Liga. Al di là dell’orrendo buco difensivo del Celta, va apprezzata l’elegante tecnica di calcio del numero 23.

2 – Siamo sul finire di una prima stagione da “rimandato a settembre” per Danilo. In quest’azione contro il Rayo però, il lavoro del brasiliano è tutto molto bello, citando il buon Pizzul: inserimento dalle retrovie, scatto verso il fondo, elusione dell’entrata avversaria e lob sul secondo palo per l’imperioso stacco di Lucas Vazquez.

3 – Non è un caso il fatto che la più bella giocata di Danilo arrivi nell’amichevole che anticipa una stagione che lo vedrà più che altro comprimario. La difesa del Bayern qui è abbastanza burrosa, ma il cambio di passo e il sinistro educatissimo del laterale (ricordiamo, destro) sono di livello mondiale.

danilo assist to morata

4 – Abbiamo visto arcobaleni e sassate, ora è il momento della pennellata d’autore: contro lo Sporting Gijon Danilo gioca una delle gare globalmente più convincenti della sua esperienza madrilena, quello che mette sulla testa di Morata è un cioccolatino praticamente già scartato che vale la pena rivedere in loop.

5 – In un finale di stagione che lo vede spesso in campo, complice l’infortunio di Carvajal, Danilo mette in piedi un’intesa niente male con l’attaccante ex Juve: qui si avventura in area di rigore e mette un preciso tracciante in diagonale per Alvaro, che ringrazia e segna il terzo gol al Granada. Sarà il suo ultimo assist con la maglia del Real?