4 marzo: Juventus Election Day

Con il 4 marzo ormai alle porte, gli italiani sono in fermento. Domenica si decide chi guiderà la nostra nazione per i prossimi cinque anni (sulla carta), dopo mesi di campagne elettorali strampalate e infuocate.

Voglio proporvi un gioco. Immaginatevi che domenica al seggio non stiate decidendo il futuro della nostra beneamata nazione, quanto quello della Juventus. È evidente, infatti, che all’interno del tifo bianconero si sia creata una spaccatura interna, ciascuna rappresentante una propria solida sfera di pensiero riguardo alle più disparate questioni della società di Corso Galileo Ferraris. Ci sono il Partito Allegriano, quello dello slogan “halmaaa!” e il gruppo “NO Max“, giusto per individuarne un paio contrapposti tra i militanti della vecchia signora. Ma non solo: ce ne sono altri di stampo più progressista in opposizione ad altri più reazionari.

Per questo vi chiedo: se doveste andare a votare il 4 marzo per l’avvenire della Juve, programmi alla mano, quale o quali tra questi partiti scegliereste?

 

AREA PROGRESSISTA:

1) LISTA 1 – Movimento Europeista 5 Stelle:

– Cambio allenatore con un profilo plurivincente in Europa (Ancelotti?);

– Addio definitivo al catenaccio e libero spazio alle “five stars” Dybala, D. Costa, Bernardeschi, Higuain e Cuadrado;

– La Champions è l’unico vero obiettivo stagionale, a costo di rinunciare (come Napoli docet) a tutte le  altre competizioni;

– Mercato limitato all’acquisto di calciatori affermati e di fama internazionale. Nessun investimento su giovani di prospettiva.

 

2) LISTA 2 – “No Max”

– Il contratto prolungato ad Allegri dovrebbe essere riscritto in toto, oltre che validato da un referendum della tifoseria;

– In caso il livornese fosse confermato, avrebbe il solo ruolo di gestore dello spogliatoio. Tattiche e istruzioni alla squadra affidate al binomio Pergolizzi-Azzolini feat. Adriano Bacconi;

– Cessione inderogabile di Mandzukic e Khedira a giugno;

– Sturaro per sempre fuori dalla lista Champions, PD! (che non è il partito…)

 

3) LISTA 3 – Rifondazione Agnellista

– Rivoluzione armata capitanata da Lapo “Lenin” Elkann con l’obiettivo di un ricambio totale delle cariche. Da Marotta e Paratici fino all’ultimo dei magazzinieri. Una Juventus completamente nuova dopo 6 o forse 7 anni di successi;

– Congedo, ovviamente, anche con tutta la vecchia guardia vincente (Chiellini, Buffon, Barzagli, Lichsteiner etc.);

– Nuovo ciclo con una squadra giovane e di prospettiva,  formata per oltre il 50% di U25.

 

AREA REAZIONARIA:

1) LISTA 1 – Partito Allegriano “halma”

– Allegri allenatore a vita della Juventus;

– Riformulazione dell’articolo 1 della costituzione: “La Juventus è una società sportiva fondata sulla halma“;

– Ogni frase di Allegri diventa il mantra della Juventus. Vietata e censurata ogni forma di protesta o dissenso nei confronti delle decisioni dell’allenatore.

 

LISTA 2 – Lega Mario

– Mario Mandzukic titolare fino a fine carriera, a costo di schierarlo tra i pali;

– Ingresso di Mandzukic in società al termine della stessa al posto di Pavel Nedved. In caso di fallimento di Mr. Allegri, Mario viene nominato d’ufficio nuovo allenatore della Juventus.

– I brasiliani vanno aiutati ma a casa loro!

 

LISTA 3 – Partito “Pensionati”

– Una sola proposta: rinnovo obbligato del contratto a Buffon “finchè se la sente”. Idem con patatine e salsa Old Wild West per tutti gli over 35.

 

AREA MISTA:

LISTA 1 – Partito CasaGigi

– Buffon a giugno diventa cogestore (insieme alle sorelle) dello stabilimento balneare “La Romanina”, sito sul lungomare di Poveromo loc. Marina di Massa. Preferibilmente già fin dal termine delle vacanze pasquali.

 

LISTA 2 – Partito Sarrista

– Campagna elettorale in mano a Ivan Zazzaroni. Only per quelli che preferiscono il bel gioco ai risultati.

 

LISTA 3 – “Lenti e Unti” LeU

– In regalo una gigantografia di Khedira da mettere in camera. Senza di te non andremo lontano, Sami Khedira nostro capitano!!!

 

LISTA 4 – Vota Antonio Vota Antonio

– Il partito di tutte le vedove italiane bianconere.

 

Votate Juventini, votate. Sarà una sola lista a raggiungere il 40% o si dovrà ricorrere a un governo di larghe intese? A voi l’ardua sentenza!

Altre Notizie