Vedo un 4-3-3 senza formazione tipo

di Luca Momblano |

allegri

Vedo in giro tante formazioni tipo per la Juve 18/19, ma la mia opinione è che la formazione tipo non ci sarà. Allegri l’anno scorso lo ha dimostrato, cambiando interpreti e moduli in continuazione, a seconda della squadra che si ha di fronte. E sarà così anche quest’anno, con l’unica differenza che adesso, anziché aspettare gli avversari, sono convinto che il gioco avrà più velocità con la Juventus che avrà più sovente il pallino in mano.

Il 4-3-3 credo sarà il modulo che vedremo di più e sembra il più equilibrato e completo, con Dybala/Bernardeschi che partono da destra per accentrarsi e calciare col proprio piede, lasciando libero Cancelo di andare sul fondo, Matuidi andrà a coprire permettendo a Emre Can di fare densità in mezzo all’area (insomma, Khedira…). Dall’altro lato Alex Sandro e Douglas Costa saranno più concentrati ad andare sul fondo e crossare, con il terzino che avrà compiti più di copertura. Per questo motivo penso che difficilmente vedremo Cuadrado e Cancelo insieme, almeno all’inizio. De Sciglio, in generale, sarà l’opzione se sarà ritenuta necessaria maggiore copertura.

Mandzukic invece, a mio parere, sarà un alternativa a Douglas Costa, quando avremo bisogno di uomini in area e di qualcuno disposto a soffrire. CR7 credo giocherà quasi sempre e il suo unico compito sarà di fare gol, con i compagni cercheranno il più possibile di metterlo in condizione di segnare.

Pjanic sarà più libero in mezzo al campo anche perché, con Bonucci dietro che può iniziare l’azione, il bosniaco subirebbe meno pressing dedicato e potrà giocare molto di più la palla. Avrà meno compiti di interdizione considerati i due probabili compagni di centrocampo. Diverso è se al suo fianco dovesse avere Bentancur e Can che tendono più di Matuidi, Khedira e Marchisio a portare palla verso l’area avversaria.

Dietro invece penso vedremo molti più cambi rispetto all’anno scorso, almeno nei due centrali, con Bonucci e Rugani che proveranno a iniziare l’azione e Chiellini e Benatia come marcatori veri. Altri moduli saranno rari e dipenderà comunque da come si mette la partita.

di Alessandro Scaglione