2018: l’anno più bianconero della storia (partita per partita)

di Riceviamo e Pubblichiamo |

2018

Anche se lavoro, sono il tipo di persona che scandisce l’anno come quello scolastico, che poi è lo stesso del campionato, quindi il fatto di imbattermi continuamente nei record bianconeri del 2018, inteso come anno solare, non mi fa impazzire ma ho provato a vedere la cosa da un’altra prospettiva, quella dei tifosi.

3/1/18 Juventus-Torino 2-0 // Quarto di Coppa Italia
La prima partita del 2018 è un derby molto rilassato, dominato tanto sul campo quanto dalle polemiche, as usual.

6/1/18 Cagliari-Juventus 0-1 // 20° giornata
La Vecchia Signora onora la Befana ma è altrettanto brutta. Vince ma non convince mai del tutto, sembra che i 120 anni trasformino la squadra in una di quelle ultracentenarie alla TV: racchia, soporifera e con finali al cardiopalma. Nota ai posteri: 50 punti, a -1 dall’ottimo Napoli di Sarri, del bel giuoco e del sogno nel cuore. Se a un tifoso juventino chiedi sì o no ti risponde nì.

13/2/18 Juventus-Tottenham 2-2 // Ottavi di Champions League
Dopo 9 minuti vinci due a zero, dopo 90 hai pareggiato 2-2, in casa, e hai pure sbagliato un rigore. Il dopo Cardiff è un nervo scoperto che si è anche scottato con il calciomercato estivo e quando non si vince ci si rovescia sopra l’acido muriatico.

3/3/18 Lazio-Juventus 0-1 // 27° giornata
Alvino in diretta televisiva dal San Paolo: “E’ finita 0-0 Lazio-Juve!”. Un minuto e arriva il goal di Dybala. Due ore dopo, Il Napoli ha perso in casa contro la Roma. Il calcio è questo e la Juve va a +1 sul Napoli, si gode parecchio!

2018

7/3/18 Tottenham-Juventus 1-2 // Ottavi di Champions League
Higuain si è infortunato nel derby del 18 febbraio e non si sa se recupera in tempo per questa partita.
Wembley, Juve sotto di un goal, al 64′ Higuain la pareggia e poi serve l’assist a Dybala per passare il turno. Tutto in 3 minuti. Deve proprio essere la #JuveDiMarzo

11/3/18 Juventus-Udinese 2-0 // 28° giornata
Primo sliding doors: il Napoli pareggia a Milano con l’Inter.
A questo punto la Juventus ha recuperato 5 punti sul Napoli in 8 giorni, va a +4 in campionato e ha passato il turno di Champions. Il Napoli è uscito a dicembre dalla Champions, a gennaio dalla Coppa Italia e a febbraio dall’Europa League per “concentrarsi meglio sul campionato”. Non che interessi l’operato di altre squadre ma è per considerare la differenza di effort delle due candidate allo scudetto.

17/3/18 SPAL-Juventus 0-0 // 29° giornata
La Juve a +2 sui partenopei dopo una partita inguardabile è l’inizio ufficiale dell’isteria. Uso volutamente “isteria” perché clinicamente è un meccanismo difensivo nei confronti dell’ansia ma si può intendere anche come eccitazione eccessiva e incontrollata.
In un mese si passa dal brutto pareggio in casa con il Tottenham, al vincere in rimonta a Wembley e a superare il Napoli, un calo adesso è un pessimo presagio.
Il valore delle due squadre in campo, il gioco espresso, i dubbi su Allegri, la celebre Juve di Marzo, il voler vincere il 7° scudetto di fila, il doverlo vincere nel 1° anno del VAR: sembra davvero l’anno dove si può vincere tutto ma anche perdere tutto. La domanda diventa: siamo arrivati alla fine del ciclo?

31/3/18 Juventus-Milan 3-1 // 30° giornata
Torniamo a +4 sul Napoli ma l’epica del calcio sta anche in quel goal.

2018

3/4/18 Juventus-Real Madrid 0-3 // Quarti di Champions League
Non so scegliere tra le due. La storia ha già scelto il gesto tecnico mentre la seconda ha valore soprattutto per noi tifosi perché, se concettualmente esiste grazie alla prima e al tempo stesso la include, rappresenta un dialogo: è la sua risposta al nostro applauso. E poi ci piace pensare che proprio in quel momento si sia deciso tutto…

2018

11/4/18 – Real Madrid-Juventus 1-3 // Quarti di Champions League
La Juve di Marzo non esiste e Aprile è il suo profeta.
Non è ancora l’ora più buia ma ci siamo vicino, non è unanime ma lo sappiamo. Dopo 6 anni di vittorie ci prepariamo a reggere il carico emotivo più gravoso dal dopo Calciopoli e invece di restare uniti ci dividiamo su tutto.

18/4/18 Crotone-Juventus 1-1 // 33° giornata
Dopo questa, le squadre avversarie hanno iniziato ad allenarsi sulle rovesciate prima dei match con noi. La sensazione è quella di chi, a metà giro sulle montagne russe dopo il cenone di capodanno, spera che quel momento finisca il più in fretta possibile.

2018

22/4/18 Juventus-Napoli 0-1 // 34° giornata
90′ Koulibaly. La Juventus non ha effettuato nemmeno un tiro nello specchio della porta avversaria.
Secondo sliding doors: in due giornate di campionato si passa da +6 a +1 sul Napoli e ci aspettano due trasferte contro Inter e Roma, insomma si mette davvero male.
Sono convinto che il miglior termometro emotivo del peggior momento della Juve nel 2018 sia la conferenza stampa di Allegri. Proverbialmente noto per la calma, ha la voce spezzata e a riascoltarlo a mente fredda fa ancora più impressione, assolutamente da rivedere come un classico horror movie.

28/4/18 Inter-Juventus 2-3 // 35° giornata
89′ Gonzalo Higuaín
Terzo sliding doors: il Pipita, dopo un’estate passata vicino alla mamma molto malata e da lei convinto a non ritirarsi, fischiato per il sovrappeso di inizio stagione e per i rigori sbagliati, ci consegna qualcosa che non sappiamo ancora di avere. Nessuno avrebbe immaginato che il giorno dopo Sarri: “Abbiamo perso lo scudetto in albergo”. Festeggiamenti che tornano ai livelli del 6 Maggio 2012 e sensazione di sollievo tipo endovena di Brioschi.

9/5/18 Juventus-Milan 4-0 // Finale di Coppa Italia
Vinciamo 4-0 e rimaniamo a Roma perché 4 giorni dopo c’è da vincere il 4° double di fila. Fatto.

19/5/18 Juventus-Verona 2-1 // 38° giornata
Due giorni prima c’è stata la conferenza stampa, pelle d’oca sui numeri e poi occhi lucidi. Al giro di campo qualcuno ha detto che è arrivata la pioggia per nascondere le lacrime. Lo stadio è coperto quindi quegli 80 mila occhi erano palesemente lucidi, ma proprio tanto lucidi. #UN1CO

2018

Giugno 2018, Torino
Mattia Perin, Emre Can e Joao Cancelo sono giocatori della Juventus.

27/6/18 Juventibus
Luca Momblano ci porta Cristiano Ronaldo. Ci si divide ancora tra fede cieca e leggerisssssima incredulità: beati quelli che hanno creduto e tutti coloro che hanno tempo di rileggere quei commenti.

10/7/18 Madrid
Ogni juventino si ricorda dov’era quando ha letto “Il Real Madrid CF comunica che, in risposta alla volontà e alla richiesta espresse dal giocatore Cristiano Ronaldo, ha accettato…”

2018

Agosto 2018, Torino
Douglas Costa confermato, Marchiso no ma soprattutto Bonucci torna alla Juve in cambio di Higuain e Caldara al Milan. Viviamo l’estate in una bolla surreale, estatica e bellissima come non succedeva da molti anni.

18/8/18 Chievo-Juventus 2-3 // 1° giornata di campionato
Per essere calcio d’agosto promette bene…

19/9/18 Valencia-Juventus 0-2 // gironi di Champions League
Espulso al 29′ nella “sua competizione” crolla incredulo in un pianto inconsolabile. I compagni lo sollevano e vincono la partita. Tutti Saturnini a pensare “fusse che fusse la vorta bbona”…

2018

7/11/18 Juventus-Manchester United // gironi di Champions League
The dream is over. C’è una Juve prima di questa partita e una Juve dopo questa partita. Ritornano la gestione più conservativa delle partite, il gioco meno spettacolare, gli infortuni e anche se i punti a tabellino non lo dicono, è così.

2018

15/12/18 Torino-Juventus 0-1 // 16° giornata di campionato
Per non so quale tara mentale, mi pareva più realistico CR7 alla Juve quando era solo un’ipotesi. Per diverse partite rimanevo leggermente colto di sorpresa quando lo sentivo nominare o quando esultava con la maglia bianconera. Non mi è mai successo per altri giocatori e non so nemmeno dire quale sia stato il momento esatto in cui ho normalizzato la cosa. Poi realizza il gol numero 5000 in Serie A per la Juventus, durante il derby, che non ho visto perché ero al matrimonio di un’amica e penso: quante possibilità c’erano perché potesse succedere una combinazione di eventi simili? Non ho una risposta ma va bene così.

2018

29/12/18 Juventus-Sampdoria 2-1 // 20° giornata di campionato
Ronaldo segna il goal n. 100 della Juve nel 2018 in una partita che riassume molto bene i picchi emotivi dell’anno. La Juventus finisce il girone d’andata da prima imbattuta con 53 punti, a +9 dal Napoli e a +14 dall’Inter ed è in corsa per la Coppa Italia e per la Champions League.

Ma quanto è stato bianconero questo 2018?

di Andrea Caviglia