10 (s)punti di riflessione: Juventus-Sassuolo 1-0

di Maurizio Romeo |

1. Se fosse andato dentro il tiro di Dybala dopo 25″ dopo l’azione in velocità con Cuadrado e l’assist di tacco di Mandzukic sarebbe venuto giù lo Stadium…

2. Dybala sta prendendo sempre più coscienza dei suoi mezzi. E ha ancora margini di crescita…

3. Una Juve che pressa alta sin dal primo minuto, segno di cannibalismo e di voglia di dimostrare la propria forza. Un buon biglietto da visita per Monaco.

4. Mandzukic è sempre più importante per questa squadra. Leader e trascinatore, in attacco e in difesa a recuperare palloni e ad aiutare i compagni. Un esempio da leader.

5. Cuadrado e Alex Sandro possono giocare contemporaneamente. E anche bene.

6. Di carattere le prestazioni di Rugani e Asamoah, un’ottima risposta da entrambi dopo la partita poco convincente per entrambi nella semifinale di Coppa Italia contro l’Inter.

7. Buffon da stasera è il portiere con la più lunga imbattibilità nella storia della Juventus superando un altro mostro sacro come Dino Zoff. Decima partita consecutiva senza subire reti, ora gli mancano 4′ per battere il record italiano assoluto di Sebastiano Rossi. Immenso.

8. Quando gioca con il 3-5-2 la Juventus sembra avere più stabilità, anche mentale, concedendo molto poco agli avversari.

9. Certe partite bisognerebbe chiuderle prima, quando si hanno le occasioni nitide per farlo. Si soffrirebbe di meno nei minuti finali nei quali la stanchezza fa giocare con meno lucidità.

10. Nelle ultime 19 partite fatti 55 punti su 57, 40 gol fatti, 6 gol subiti e a 9 giornate dalla fine ha già battuto almeno una volta tutte e 19 le avversarie del campionato. È il terzo anno consecutivo…

E ora testa a Monaco. C’è un’impresa da compiere….