10 spunti di riflessione dopo Fiorentina-Juve

di Maurizio Romeo |

1- Partiamo dal fondo: vincerla così, segnando il 2-1 subito dopo il pareggio, con quel fenomeno del tuo portiere che para un rigore (dubbio) al 90° e con una traversa che ti salva al 94° non è solo una goduria, è lussuria allo stato puro. La porti un bacione a Firenze.

2- Beckenbauer gli aveva dato del pensionato 3 anni fa, non è della generazione ’80 ma la pensione per un Gigi Buffon così può arrivare anche a 75 anni. Un uomo da pallone d’oro.

3- Da Capitano aveva parlato a Reggio Emilia scuotendo la squadra (e dai risultati ci è riuscito eccome), da Capitano ha aiutato la squadra nel momento del bisogno in tutta la stagione, lo ha fatto anche stasera, con una parata Scudetto. Io uno così lo voglio sempre dalla mia parte, come ha detto Morata, “non è umano”…

4- Importantissimo il gol di Morata, segnare subito dopo il pari è una mazzata incredibile per gli avversari.

5- Bonucci ringrazi Morata, Buffon e la traversa. Certe leggerezze possono costare tantissimo. Per sua fortuna stasera non è così. Ma bisogna fare più attenzione

6- Rugani prende la prima ammonizione da professionista dopo 68 partite. E questa è una notizia.

7- I gol di Mandzukic non sono mai banali, né per il tipo né per il momento. Pogba gli apparecchia la tavola, lui prepara la cena scudetto.

8- Alzi la mano chi pensava dopo Sassuolo-Juve che saremmo arrivati qui. Io ci credevo.. fino a quella sera quando qualche dubbio mi era venuto. Faccio mea culpa. Felicissimo di farla e di tifare per questa squadra. Chapeau.

9- 24 vittorie nelle ultime 25 partite, 73 punti su 75 disponibili… gli altri parlano, noi vinciamo. Qui sta la differenza.

10- Manca un punto da fare in 3 partite. E se niente niente il Napoli domani non batte la Roma… si mette la quinta.