10 (s)punti di riflessione: Bayern-Juventus 4-2 d.t.s.

di Maurizio Romeo |

1- Inizio perfetto, con il piglio giusto, la voglia di arrivare primi sulla palla e la grinta nel pressare l’avversario. Il gol del vantaggio arriva da un errore ma non è casuale.

2- Il secondo assistente non è in grande giornata e fa annullare un gol regolare di Morata, ma la Juve è brava a non farsi condizionare e con un contropiede perfetto va comunque 2-0

3- il Bayern fa possesso palla, ma la Juve è brava a crearsi le occasioni ma non le sa sfruttare con Cuadrado e poi con Morata. E certi errori nei momenti chiave li paghi alla fine

4- Quando arretri il tuo baricentro fai il gioco del Bayern e lì davanti hanno giocatori forti che prima o poi un gol te lo fanno.

5- A 1′ dalla fine quando sei inaspettatamente in vantaggio per 2-1 in casa del Bayern devi spazzare la palla senza se e senza ma. Se la provi a giocare, la perdi e ti fanno gol te la vai a cercare.

6- Ai supplementari li abbiamo portati noi. In ogni senso.

7- Inutile recriminare su possibili errori arbitrali fra andata e ritorno. Se non la butti dentro quando hai le occasioni per chiudere la partita è non le sfrutti non puoi recriminare su altro.

8- Usciamo immeritatamente (per il carattere mostrato nei primi 89′ giocati all’Allianz), ma allo stesso tempo meritatamente per aver sbagliato nei momenti cruciali.

9- Il Bayern per 70′ ha pensato a protestare. Quando si è messo a giocare e abbiamo smesso noi… ci hanno fatto fuori.

10- Buttare alle ortiche un’occasione del genere, con occasioni per poter vincere sia all’andata che al ritorno in casa loro lascia un rammarico (e un nervoso) enorme.