10 regole juventine per difendersi dal COVID-19

di Sandro Scarpa |

Ecco un decalogo semi-serio (le informazioni sono serissime e raccomandate dal Ministero della Salute), per contenere l’epidemia del coronavirus in salsa bianconera:

 

1. ATTENZIONE ALLE MANI: primo veicolo di trasmissione del contagio.

 

le mani vanno quindi lavate frequentamente, così come altre parti del viso attraverso le quali il virus può accedere, come LA BOCCA

e in ogni caso prestare la massima attenzione all’igiene personale con lavaggi frequenti:

 

2. EVITARE IL CONTATTO CON PERSONE CON DEBILITAZIONI FISICHEIn caso di contatto ravvicinato, meglio porsi volontariamente in quarantena.

 

3.  NON TOCCARE NASO, BOCCA E OCCHI Evitare di toccare con mani non lavate..

il NASO,

la BOCCA

e gli OCCHI.

…Il virus si diffonde per via respiratoria ma può entrare in corpo anche per altre vie, in questo caso è sempre opportuno indossare GUANTI (preferibilmente monouso):

 

4. COPRIRE BOCCA E NASO, quando si starnutisce o si tossisce.

 

5. NON PRENDERE FARMACI antivirali né antibiotici se non prescritti dal medico.

 

6. PULIRE CON DISINFETTANTI le superfici. I disinfettanti che possono uccidere il Coronavirus includono quelli a base di candeggina/cloro, solventi, etanolo al 75%, acido peracetico e cloroformio.

 

7. USARE LA MASCHERINA solo se si è malati o se si assistono persone malate. La mascherina deve essere usata solo se si sospetta di aver contratto il virus o in presenza di persona con sospetta infezione.

 

8. I PRODOTTI CINESI NON SONO PERICOLOSI. I prodotti made in china non sono pericolosi poiché il virus non è in grado di sopravvivere a lungo nello stesso luogo, né bisogna avere ansie in caso di contatto con persone cinesi o provenienti dalla Cina o altre zone con focolai attivi.

 

9. MANTENERE UNA DISTANZA INTERPERSONALE di almeno 1 metro,

 

10. EVITARE BACI, STRETTE DI MANO E ABBRACCI fin quando l’emergenze non sarà finita: