Mercato Juve, serve una svolta anche se non è facile

Una delle cose che mi sarei aspettato da questo mercato è almeno un acquisto di grandissimo livello (il classico “nome”). Specialmente a centrocampo. Perché ritengo che l’unica cosa positiva di arrivare in una finale di Champions (perdendola) sono i soldi che la società guadagna. Ho da sempre detto che preferisco uscire in semifinale o ai quarti che non arrivare in finale e perdere l’ennesima partita secca. E’ la mia opinione da amante della Juventus, ma non pretendo che tutti abbiano il mio stesso sentimento. So che il mio amico Massimo Zampini la pensa in tutt’altra maniera, ad esempio. Una finale di Champions persa a mio modo di vedere rovina la stagione nella quale hai vinto altri trofei nazionali. Se invece esci in maniera dignitosa prima della finale, io personalmente mi gusto di più lo scudetto o meglio ancora l’accoppiata con la Coppa Italia. Ma ripeto: è una sensazione personale . E’ come arrivare nel letto con Cindy Crawford e poi mentre stai lì lì…

Comunque, andando al di là (e non è facile ) della ennesima finale di Champions sprecata, come dicevo prima, mi sarei aspettato una campagna acquisti da 100 milioni anche 150 di sbilancio in negativo. Per ora tutto questo non si è visto. Dove sono i soldi della finale di Champions? La Juventus ha incassato 40 da Bonucci, 17+3 da Lemina, 3 da Rincon (che acquisto sbagliato, se dura 6 mesi…) + eventuali 7 di riscatto. Ha risparmiato 5-6 milioni netti (quindi almeno una decina) dall’ingaggio di Dani Alves. Nel frattempo ha comprato Douglas Costa (6 + 34/40 milioni per il riscatto) e De Sciglio (12 mil) più il portiere polacco per 10 milioni cedendo Neto per poco meno. Sostanzialmente la Juventus, ad oggi, non ha speso molto. A tutto questo vanno sommati i 40 per Bernardeschi. Se quindi calcoliamo Douglas Costa a 40, la Juve ha uno sbilancio negativo di una quarantina di milioni  scarsi (vero, ci sono stati i riscatti di Cuadrado e Benatia, ma non so quanto sia giusto contabilizzarli qui) , se invece calcoliamo Douglas Costa a 6 (i 40 o  34  saranno nel prossimo esercizio)  la Juve sta in un sostanziale pareggio.

Il caso Schick oltretutto rischia di lasciare l’amaro in bocca. Inter e PSG lo vogliono e pare che il prezzo sia anche salito. Cosa ci sia sotto esattamente, quale sia la patologia riscontrata non si capisce al 100% anche se la società bianconera ha utilizzato una legittima cautela. Ma non andrà più alla Juve. Speriamo di non doverci mangiare i gomiti.

Capisco anche che in questa sessione di mercato ci siano stati molti concorrenti. Il Psg e le inglesi su tutte. Proprio per questo so che il lavoro di Marotta e Paratici non è facile. Ci avevano abituati oltretutto a un parametro zero ogni anno (più o meno) e quest’anno non è arrivato.

Ritengo che ci debba essere una svolta nel mercato: non vendere nessun pezzo pregiato oltre già la cessione di Bonucci e comprare almeno due grandi giocatori, un centrocampista e un attaccante.

Lancio una idea ulteriore: se tentassimo con il centrocampista di colore francese dell’Inter? Con un prestito magari anche molto oneroso, oppure un prezzo entro i 12 milioni io tenterei di rigenerare questo giocatore che tutti avevamo ammirato nel Monaco.

A centrocampo farei la cosiddetta offerta irrinunciabile a Lotito per Milinkovic-Savic. Scommetto che con 45 milioni cash si porta a casa. Oppure 40 più il cartellino di Sturaro.

Se fossi io Marotta farei questi 4 giocatori:  Keita 30, Schick 30, Kondogbia 12 e Milinkovic-Savic 45. I soldi ci sono. Altrimenti perché arrivare in finale e perdere la settima?