#jvtbClip Juve-Barcellona 3-0: Lección

 

APPROCCIO  Barça, siamo consci del fatto che la tua mente calcistica è più sviluppata, più esperta, più tranquilla, più semplice, più straordinaria. E allora non ti studiamo, assaltiamo da subìto, orientiamo lo spazio-tempo.

 

QUALITÀ EFFUSA  Per le “prime” dei quotidiani è quasi solo Dybala-Messi. Ma Dani Alves. Ma Khedira. Ma Pjanic. Ma Mandzukic. Ma Cuadrado. Ma Higuain. Per tacere della prima linea. Un allestimento minuzioso, una strutturazione indefessa, una pianificazione circostanziata.

 

ARDIMENTO  Se non risichi…Quanto è spaventosamente eccitante sfidare il pericolo? Quanto gas poi penetra nel corpo sotto forma di cognizione? Quanta consapevolezza di sé/del contesto attribuisce quell’osare-ardire andato a successo?

 

AUREI  Il pluri-premiato miglior 10 e i due inesplicabilmente mai insigniti danno vita alla Scena del match. Dopodiché zitto zitto, in quel cerchio di centrocampo ormai clone di casa propria, il 21 rende noto France Football delle sue mire a breve termine.

 

AFFRONTO  “Ama il tuo nemico”? Il dio del calcio è come il professore dell’università più stimato. Meglio, come mamma e papà; la persona che sempre ascolti e da cui più possibile impari. Ora, però, se questa intoccabile fonte di insegnamento cede di senno, brancola, palesa comportamenti scomposti…Sì, abbiamo il dovere di farlo notare, di correggere chi ci ha istruito. La perpetua ed aprioristica riverenza? No, grazie.

 

SOVRANITÀ  La sintesi dell’andamento: 174 cm di uomo che invano tentano di cingere 187 cm di gorilla (Chiello, si scherza!). No, non è la Bibbia, niente “repetita” di Davide sopra Golia.