Fiorentina-Juve 0-2: keep “halma” e va(R) bene così

bernardeschi

Diciamolo subito a chiare lettere, la prestazione di stasera è un passo indietro rispetto alle ultime uscite, ma vincere in casa della Fiorentina, coi viola rimasti all’ultimo obiettivo stagionale (come spesso capita ai viola nel girone di ritorno quando incontrano la Juve…), è un risultato pesantissimo che lascia l’amaro in bocca a chi stasera si era accomodato in poltrona sperando in un passo falso della Vecchia Signora. Pericolo scampato per gli uomini di Allegri che stasera, dopo tanti contrattempi a parti invertite, si vedono sorridere dal VAR: nel pessimo primo tempo c’è il lampo della decisione della squadra arbitrale che toglie un rigore che forse poteva starci, ma servono congressi per direttori di gara per chiarire la dinamica di un episodio che entra in una delle casistiche che sarebbe meglio si chiarissero perché sennò non ci sarà mai tecnologia che tenga.

Risultato importante quello raggiunto stasera anche grazie a un Federico Bernardeschi che sputa in faccia alla storia, o cronaca se preferite, cronaca nera rende ancora più l’idea: qualche annetto fa un certo Roberto Baggio, alla prima da ex contro la sua Fiorentina si rifiutò di calciare un penalty che poi De Agostini sbagliò, fu sostituito e raccolse la sciarpa lanciatagli dai tifosi fiorentini. Stasera Bernardeschi si è preso i fischi, ha resistito, ha avuto la sua occasione, e l’ha sfruttata zittendo lo stadio e regalando la vittoria alla Juve. Nessun paragone irriverente, ci mancherebbe, Roberto Baggio è il calcio italiano, Bernardeschi una virgola fra tante, almeno per ora, ma…

Su Higuain inutile aggiungere qualunque altra parola, così come su Gigi Buffon, ancora decisivo sullo 0-1 quando ha cancellato l’1-1 dai piedi di Thereau, ma adesso non c’è più tempo per sorridere: fra qualche giorno si scende in campo per giocarsi il futuro europeo, non ci può più essere spazio per alcuna distrazione extra. Per il resto ci sono le solite tweet-star che scandiranno il tempo fra stasera, la prossima partita del Napoli e l’andata col Tottenham.