Home Opinioni A caldo A CALDISSIMO / Juve-Atalanta 3-2: la “leggerezza” di Dybala, la leggerezza della Juve
A CALDISSIMO / Juve-Atalanta 3-2: la “leggerezza” di Dybala, la leggerezza della Juve

A CALDISSIMO / Juve-Atalanta 3-2: la “leggerezza” di Dybala, la leggerezza della Juve

47

Comincia stasera l’avventura 2016/2017 della Juventus in Coppa Italia, c’è da difendere il titolo, non sono ammessi passi falsi nel match contro l’Atalanta.

Turn-over si ma con moderazione quello attuato da mister Allegri in vista della trasferta di domenica sera a Firenze: Neto, Rincon, Hernanes e Mandzukic le novità rispetto al cosiddetto undici titolare, Rugani con Barzagli al centro della difesa, Dybala ancora dal 1′ con Marchisio in mezzo e Lichtsteiner-Asamoah lateali a completare l’alberello bianconero.

Il primo tempo della Juventus è di alto livello, tante le combinazioni veloci e palla a terra con Dybala e Pjanic protagonisti nel costruire le azioni offensive con i loro duetti, proprio da una rifinitura dell’argentino arriva la prima occasione pericolosa per poco non concretizzata da Mandzukic a seguito del cross di Lichtsteiner, è il palo a salvare i nerazzurri. La Joya allora decide di mettersi in proprio: prima costringe gli avversari a fermarlo con le cattive (penalty non concesso), un paio di minuti dopo sblocca il risultato con una saetta da fuori a sfruttare alla perfezione la torre del compagno di reparto. Gioca sul velluto la Vecchia Signora, e quasi inevitabilmente arriva il raddoppio: Asamoah lavora bene un pallone sulla propria trequarti, scambio con Marchisio che trova la profondità su Mandzukic, scambio veloce con Dybala e raddoppio stavolta firmato dall’ex Atletico Madrid a scartare il cioccolattino servitogli. In apertura di ripresa, con Sturaro in campo per Marchisio, e qualche minuto dopo Pjaca per Dybala, la Juve sfiora due volte il tris prima con Mandzukic e poi con Rincon, ma a sorpresa sono gli ospiti ad accorciare le distanze con un tiro beffardo dell’ex di turno Konko. A scacciare i fantasmi, però, ci prova Pjanic: stavolta il rigore dopo l’intervento su Lichtsteiner arriva, Miralem realizza impeccabilmente. Sofferenza finale, però, per l’ennesimo rilassamento che porta al 3-2 del giovane Lath: Asamoah si fa sorprendere alle spalle, cross basso da destra, Lichtsteiner sbaglia ancora la diagonale come successo già con Belotti e Bonaventura, e così si ritorna a subire due gol in casa come non succedeva dalla sfida col Bayern Monaco nella Champions dell’anno scorso. Fortunatamente è l’ultima emozione vera, finisce col minimo vantaggio dopo una partita dominata per larghi tratti.

Si è rischiato di non portarla a casa questa qualificazione, per lo meno nei tempi regolamentari, ma stavolta non è scappata via la vittoria: tanta bravura sino alla rete di Konko, una buona reazione dopo, troppe sbavature nel finale, seppur sempre simili a quelle già viste in questa prima metà di stagione.

Fabio Giambò Classe '83, messinese, laureato in Ingegneria Informatica. Cresciuto a pane e calcio (poi anche fantacalcio), giornalismo per hobby, "appassionato" di moviola, interessato agli aspetti statistici e/o economici legati al mondo del calcio.
  • mescalero

    Rimango allibito di fronte ai cali di concentrazione (ne ha parlato anche Barzagli a fine partita…) nei momenti cruciali della gara… Neto che sbaglia un rinvio in modo ridicolo, Lichtsteiner che sbaglia ancora una volta la diagonale (e si parla di rinnovo del contratto….), Asamoah inguardabile in alcune circostanze. Spero solo sia un momento di forma da perfezionarsi a marzo, come dice Allegri, ma se vogliamo andare avanti, i suddetti dovranno essere richiamati aspramente dalla società..

    • Simone Marchiori

      Asa non giocava due partite in 3 giorni da due anni e mezzo….credo che alla fine non ne avesse proprio più…

  • Expo

    A me il goal di Latte Lath (nome appropriato ad una baby promessa) è sembrato irregolare per fuorigioco di Conti.
    Per il resto analisi condivisibile e sobria.

    • Bobby gol

      Anche a me ,ma non si è visto bene il replay

  • vince jfc

    primo tempo ottimo, Dybala in serata show, Marchisio dimostra di no naver dimenticato come si gioca da mezzala, bene Rincon e Mandzukic, poi usciti Marchisio e Dybala la squadra ha smesso di giocare, ricadiamo sempre negli stessi errori, ci fidiamo della difesa credendo di non subire gol e invece rimettiamo in gioco gli avversari

  • Bobby gol

    70 minuti molto buoni e poi…..si spegne la luce.Calo di tensione,atteggiamento sbagliato,centrocampo(dopo le sostituzioni)povero tecnicamente??non lo so ma ,se vogliamo arrivare a grandi traguardi bisogna eliminare questi passaggi a vuoto

  • Giovanni

    Partita importantissima SE l’incompetente in panca capirà che con lichtsteiner (6,5 in spinta ma il solito buco disastroso dietro) e asamoah (l’avrei saltato anch’io) NON si può giocare a 4 contro squadre appena decenti; e sopratutto SE si smetterà di pensare che si possa fare un centrocampo da top con hernanes, sturaro e rincon.

    • Simone Marchiori

      Allora illuminaci con la tua competenza: con due soli centrali disponibili (Bonucci è rientrato parzialmente in gruppo solo ieri), Alex Sandro, Evra e Dani Alves out, come avrebbe dovuto giocare?

      • Giovanni

        NON stasera, ovvio (ma asamoah ha sofferto tutta la partita) ma nel prosieguo. Se non ha terzini credibili, e NON LI HA, non è colpa mia. Giochi col 3421 visto che per quello gli uomini li ha

        • Simone Marchiori

          Il 3-4-2-1 è un modulo che stuzzica anche me, ma devi avere due centrocampisti centrali di gamba in grado di reggerlo sia da un punto di vista fisico che tecnico (Marchisio+Khedira?). Secondo me Alves e Sandro sono due terzini più che credibili (anche se Alves fino a Genova ha offerto prestazioni altalenanti e, in generale, al di soltto delle aspettative). Sicuramente al momento come terzini abbiamo problemi sulle “seconde linee” (Licht – anche se devo dire che ieri non mi è dispiaciuto -, Evra/Asa), ma se non è colpa tua non è neanche colpa di Allegri. Sulla prestazione di Asa, dissento. E’ calato vistosamente nella seconda parte del secondo tempo (come tutta la squadra), ma bisogna considerare che non giocava due partite in 3 giorni da due anni e mezzo.

    • nickriviera

      Il centrocampo ha difetti che molti sottolineano da questa estate, certo quando esce marchisio e giochi con sturaro hernanes e rincon rinunci a pungere e su questo concordo, ma sui terzini no, l’atalanta costruisce gioco sulle catene laterali, e non mi pare che li abbiamo sofferti stasera, anzi per me asa e licht hanno fatto una buonissima partita. Non starei a spaccare il pelo sulla mancata chiusura che ha originato il 3 a 2, la squadra era complessivamente sulle gambe e quello è il motivo per cui prendi gol e soffri.

      • Giovanni

        Asa è stato infilato con estrema facilità ogni volta che l’hanno attaccato (vero che sturaro l’ha aiutato pochissimo). Davanti ha accennato affondi e dribbling tutti persi per chiara impotenza fisica. Non ha spunto per inserirsi (e neppure i tempi che, per esempio, ha lichtsteiner). Non si può pretendere che Sandro le giochi tutte e per di più al top.

        • nickriviera

          Va tenuto conto della sua situazione fisica e comunque gli si chiede di rappresentare solo una alternativa a sandro: in tal senso asa per me fa meglio di evra. Che l’atalanta crei il gioco sulle laterali è fatto noto, ma fino al gollonzo di konko non mi pare avessimo sofferto ai lati. Su licht io il primo a criticarlo di recente, ma ieri sera ha corso, attaccato, si è procurato con grande furbizia un rigore (netto) importantissimo, se poi fa qualche errore difensivo pazienza, per me partita da 6,5.

          • Giovanni

            Il problema di Asa non credo sia la condizione (uno status momentaneo che si migliora con allenamento e ritmo partita) ma la struttura di base che ormai non gli consente più spunto (quello che serve per andare sul fondo e crossare da lì, quello che serve per non farsi infilare sempre quando lo puntano) e certi tipi di movimenti (guarda che fatica fa a girarsi velocemente). Aggiungiamoci che dietro non ha grande fisicità e che davanti, anche nei momenti migliori, non ha i tempi per attaccare l’area (cosa che ha Licht pur con piedi disastrosi).
            Sugli errori difensivi di Licht non concordo: IMHO (very humble) un terzino deve difendere anzitutto, poi gli si può perdonare qualcosa se è un crack in spinta (come AS oggi e Alves fino all’altro ieri, o perfino Cabrini ai tempi) ma lui con quei piedi un crack proprio non lo è.
            Ergo meglio un 3421 con cuadrado (e Alves in alternativa) e AS (e lì l’alternativa è già più dura, ma allora sì Asa una, ma proprio UNA, tantum).

          • nickriviera

            Per me il 3-4-2-1 non è praticabile, io sono per la difesa a 4 e due terzini di spinta, tre centrali tolgono comunque spazio a un centrocampista, a meno che non si abbia un sistema di “scalate” ultracollaudato che ti consenta di proteggere tutta la larghezza del campo in fase difensiva: temo diventerebbe una difesa a 4 o a 5 col problema che in campo hai piedi peggiori di una difesa a 4 tradizionale perchè ti trovi a schierare tre centrali difensivi.

          • Giovanni

            Il 34…con Bonucci che, appunto, a 3 è probabilmente il nr 1 al mondo, mentre a 2 è “solo” buono (perché non è veloce e non ha tanta fisicità). Le coperture laterali con Cuadrado e Sandro mi sembrerebbero più che adeguate. In mezzo Marchisio e khedira (con rincon primo cambio) confortati dai rientri di pjanic e dybala (che ha i numeri per fare il 3/4ista) ad aiutare in costruzione (e magari quando rientra alves, si adatti lui, perdendo in penetrazione, sempre che non si ricordi di quello che era una volta, e guadagnando in costruzione). Davanti, manco a dirlo, Higuain senza discussioni.
            Se poi arrivasse una mezzala vera (non esistono solo i rincon o i pjanic, ci sono anche quelli che hanno fisico, corsa, piedi e idee, tutto insieme)…

          • nickriviera

            Su bonucci solo buono a 2 dissento, pensa io farei giocare lui e rugani in una difesa a 4, però sono opinioni personali. Credo che non vedremo mai un 3-4 perchè troppo particolare come sistema, allegri non si sposta dal triangolo di centrocampo in impostazione, che poi diventa a 4 in fase difensiva con uno che si abbassa. Considera anche che i senatori dietro se giocano a tre mal accettano di non essere ben protetti dal resto della squadra, quindi io continuo a non vedere soluzioni diverse dal 4321 delle ultime esibizioni (mi sembra la strada più valida), con la possibilità di passare a 352 in caso di necessità difensive.

  • Hans von Reutlingen

    Strana partita: poteva finire 5-0, poi ci siamo un po’ sbracati dietro…Bisogna ancora una volta ripetergli che le partite durano 90 minuti! Mi sa che al 70esimo gia’ il pensiero era rivolto alla Fiorentina,

  • Juvehigh

    Difficile dare troppo peso alla coppa italia. Il centrocampo già` scarso era rimaneggiato. La differenza la Juve l` ha fatta in attacco. Lich e Asa sono volenterosi, ma hanno fatto degli errori difensivi. E` il problema di giocare a quattro dietro, non abbiamo i terzini. e non abbiamo 4 centrocampisti forti.Si punge davanti, ma si soffre dietro.

  • solito problema di mentalità, si gioca, si passa avanti e poi si cala… la ormai celeberrima e troppo predicata halma allegriana ha generato questo cancro in seno alla squadra che non si riesce più ad estirpare, un fino alla fine mai…. peccato.
    http://fanculolamoviola.blogspot.it/

  • nickriviera

    Il primo tempo di stasera mi è piaciuto davvero molto, anche con una formazione non certo base si è visto un gioco più fluido, intensità e occasioni a grappoli: forse troppo poca cattiveria sotto porta. Mi sono divertito a rivedere marchisio giocare mezzala, chiaro che l’infortunio costringe a dosarlo e si fa fatica a pensarlo in altri ruoli rispetto a quello di vertice basso (anche perchè mancano le alternative), però finchè è durato si è vista una gran differenza rispetto al solito. Bene anche asa, per quel ruolo può andare e spinge comunque in fase offensiva. Il brutto secondo tempo a mio avviso è figlio non tanto di superficialità/distrazione, quanto di incapacità di uscire bene con giocate pulite a metà campo dal pressing avversario: se non attacchi bene, ti abbassi troppo e rischi sempre e comunque, al di là del discorso concentrazione.

    • Juvehigh

      Dissento.Centrocampo da favola. Rincon il nuovo Davids, Sturaro il nuovo Dechamps, Her Nanes il nuovo Pirlo. Non puo` che essere mancanza di concentrazione.

      • nickriviera

        Il centrocampo ha problemi, lo sappiamo penso tutti, quello che mi è parso evidente ieri è che se hai una mezzala di qualità come marchisio e pjanic che i piedi comunque li ha eccellenti e si muove (più di khedira di sicuro), il gioco funziona in un modo, quando hai in campo piedi storti e lingue a penzoloni ti rintani dietro e non esci più. Ma non per distrazione. Spero di essermi spiegato.

        • Juvehigh

          Penso che gli unici che non lo sanno siano Agnelli, Marotta, Paratici e allegri. In questo mercato hanno comprato Caldara (20 milioni piu` bonus per un ragazzino) e Rincon (8 milioni piu` bonus). 30 milioni buttati quando serve un grande centrocampista. Pero` poi Tolisso cosa troppo caro. Siamo alle comiche.

  • Gobbaster

    E’ una squadra che fa troppi peccati di “sufficienza”.
    Si sentono forti e dopo aver segnato pretendono che la partita finisca per manifesta superiorità….
    E’ necessario un bel bagno di umiltà !

  • Cuorejuve

    Stasera quando sono arrivata allo stadium…ho pensato…speriamo ne valga la pena…troppo freddo, poi l’inno,l’inizio della partita, due gran gol, uno mancato di poco….si ho fatto bene a venire! Peccato ci fosse anche il secondo tempo, quando non c’è Marchisio e’ tutta un’altra cosa, Hernanes che perde palloni, Sturaro ha retto poco fisicamente , Asa non ne aveva più e Lich ci mette del suo…come è già successo quest’anno!
    Questo fatto di staccare l’interruttore ci ha rovinato più di una partita…dicono ci servirà da lezione…ma quante volte deve succedere? Spero che prima di iniziare la Champions…l’abbiano imparata, altrimenti sono guai…anche solo con il Porto!

  • Marco Riccini

    a margine: ma Lemina? Cos’era, squalificato?

    • luigi

      E`in coppa d’Africa

      • Marco Riccini

        ah ecco, grazie

      • meaw

        E Kean?

  • Video Gol Today

    Non capisco questa valanga di critiche e questo pessimismo ormai diffuso a macchia d’olio che accompagna la squadra ormai da tempo nonostante i risultati penso di poter dire siano sino ad oggi positivi eccezzion fatta per la supercoppa ma chi conosce il calcio sa bene che le finali sono una storia a se che alle volte non rispecchiano i valori in campo, i piu’ vecchi come me, ben ricordano come un certo Magat infranse i sogni di una squadra stellare arrivata in finale scherzando con le avveersarie di turno. Come ho gia’ avuto occasione di scrivere questa squadra ha fatto una preparazione atletica programmata per far si che raggiunga il top della forma nei mesi cruciali della stagione (Marzo) e quello che e’ successo ieri sera non e’ altro che la conferma che tutto sta andando come era stato programmato. La forma si raggiunge a gradi non e’ un interruttore che se lo premi cambia le cose dall’oggi al domani. Fino a poco tempo fa la squadra era imballata e nonostante le vittorie non riuscivamo ad offrire prestazioni convincenti, adesso che ci stiamo avvicinando a marzo piano piano la freschezza stletica inizia a fare capolino ma non avendo ancora il pieno di benzina non riusciamo ancora ad essere brillanti per 90′. Ieri abbiamo giocato 60′ in un modo e 30′ in un altro perche’ la benzina e’ finita dopo 60′ e questo a mio modo di vedere e’ da interpretare come un segnale estremamente positivo che dovrebbe infondere fiducia nella squadra e portare una ventata di ottimismo tra i tifosi invece a leggere i commenti sembra di essere ad un funerale.

    • adriano isoardi

      Quindi il fatto che dopo un gol (ieri sera per fortuna due) si stacchi SEMPRE la spina, dipende solo dalla preparazione? Impossibile.

      • Video Gol Today

        Ciao adriano isoardi, credimi la preparazione e’ il fattore principe di tutto cio’, come ho scritto in un altra discussione tenere il piede pigiato sull’accelleratore al giorno d’oggi e’ impossibile per qualsiasi squadra al mondo, la storia che alcune big europee lo fanno e’ una favola da bar, nessuno, ai ritmi cui si gioca al giorno d’oggi , e’ in grado di fare 90′ ai 110% prima o poi devi per forza tirare il fiato e ogni aquadra lo fa alla sua maniera, la differenza tra noi e certe big europee e’ soltanto che loro per ora lo sanno fare molto meglio di noi, ovvero rischiando meno di quello che facciamo noi e se fai caso uno dei punti che Allegri spesso e volentieri fa notare nelle interviste. e uno di quelli che lo fanno imbestialire durante la partita e’ la gestione del pallone in certi momenti e questi momenti non sono altro quelli in cui si deve per forza tiare il fiato lasciando l’iniziativa agli avversari. Naturalmente non avendo ancora raggiunto il top della forma atletica la squadra non puo’ scegliere quando tirare il fiato, lo deve fare (per forza) quando finisce la benzina, sino a poco tempo fa quando eravamo ancora molto imballati se ci fai caso la benzina finiva dopo 30 minuti, ora sembra che siamo arrivati all’ora di autonomia, questo e’ un segnale a mio parere molto confortevole che mi fa ben sperare per gli impegni futuri che ci attendono.

        • adriano isoardi

          Ciao a te e grazie per il commento. Da quanto dici si evince che non ritieni influente l’atteggiamento mentale che Allegri, secondo me, ha instillato nella testa dei ragazzi. Perciò sarebbe solo una coincidenza che si tirino i remi in barca ogni volta (tranne rare eccezioni) dopo un gol segnato e che questa ricorrenza sia dovuta soltanto ad un fatto fisico. A me sembra, appunto, una coincidenza assai strana.
          Che poi non si possa (e perciò non si debba) correre per 90′, lo so anch’io, ma resta il fatto che si potrebbe gestire la partita senza necessariamente abbassare il baricentro, tutte le sante volte. Esempio Supercoppa: esce Sandro e Suso (!?) che fino a quel momento era impegnato a tentare di opporsi ad Alex, diventa un fenomeno e ci mette nei guai.
          E’ solo un esempio che dimostra che si può gestire tenendo il baricentro più alto, mettendo così in apprensione gli avversari, anche senza correre come pazzi. Noi invece li invitiamo a farsi sotto, regalando loro fiducia in se stessi.
          Tanto più che gli eventi dimostrano che quando ci aggrediscono andiamo in bambola.
          Gli uomini di Gasperini ci hanno dato una lezione sui movimenti senza palla (se loro non sono stati tanto pericolosi è perché mancano di talento). Insisto: perché Allegri non sfrutta questa possibilità?
          Tu dici che è soltanto per la condizione fisica, io invece sospetto che oltre a quella ci sia una reale intenzione di risparmiarsi, oppure supponenza o quello che ti pare.
          Non esiste che Barzagli dica: “Che ci serva da lezione”, ma di quante lezioni hanno bisogno? Lui per primo ammette che sia un problema di concentrazione.

          • Video Gol Today

            Beh dai in Supercoppa dopo l’uscita di AS, Suso fino a quel momento in palese difficolta’ ha iniziato a fare cio’ che voleva perche’ Evra non ha piu’ il passo per stare dietro a giocatori veloci come lui, non e’ che Suso ha fatto quello che voleva non perche’ abbiamo abbassato il baricentro.
            Suso fino a che e’ rimasto in campo AS era in palese difficolta’, poi quando il brasiliano e’ uscito per infortunio, ha iniziato a fare cio’ che voleva perche’ Evra non ha piu’ il passo per stare dietro a giocatori veloci come lui. Per il quello che riguarda il discorso del peso della preparazione sulle attuali prestazioni rimango della mia idea ma discutere con Te e’ per me un gran piacere quindi ho grande rispetto della tua e sara’ interessante riprendere il discorso tra un paio di mesi per vedere chi aveva ragione

          • adriano isoardi

            Grazie per la stima che non so da dove derivi ma che contraccambio volentieri. Se tu non ammetti il vizietto di questa squadra, allora è inutile proseguire nella discussione. Io l’ho visto fare in quasi tutte le partite, vinte o perse e sostengo che con un atteggiamento un po’ più propositivo si sarebbero potute vincere con più scioltezza e senza soffrire più di tanto e non perdere come invece sono state perse. Mica tutte, magari, ma molte.
            Come ripeto, non sto dicendo che si debba correre a 1000, ma avere più coraggio. O furbizia, fai tu.

          • Video Gol Today

            La stima deriva dalla pacatezza con cui discuti, quando si discute in questo modo per me e’ un piacere, si puo’ discutere anche senza offendere purtroppo molti se lo dimenticano, tornando alla nostra discussione il vizietto come lo definisci tu secondo me e’ figlio di una situazione che non ti permette per ora di avere un vizietto diverso, intendo dire che e’ vero che difendiamo molto bassi ma se lo facciamo non e’ perche’ Allegri e’ un cagon lo facciamo perche’ i giocatori che ha a disposizione e l’attuale forma atletica non lasciano scelta, per difendere alto devi avere una notevole freschezza stletica e gli uomini adatti a farlo e noi in questo momento non abbiamo ne uno ne l’altro, tra un paio di mesi quando saremo al top della forma potremo fare di meglio ma in ogni caso a mio parere non abbiamo gli uomini per andarli a prendere nella loro area quelli che abbiamo sono piu’ adatti a difendere bassi e i risultati, a parte eccezzioni che confermano le regole, lo dimostrano dando bene o male ragione ad Allegri, quando difendiamo bassi magari rischiamo molto pero’ alla fine vinciamo, per cambiare atteggiamento devi essere sicuro che alla fine il risultato sia quantomeno lo stesso e io con gli uomini che abbiamo non rischierei.

          • adriano isoardi

            Grazie, altrettanto.
            Capisco perfettamente il tuo punto di vista e lo condivido pure, ma ci aggiungo la mentalità antiquata di Allegri. Credo che i fatti lo dimostrino, abbi pazienza.

  • Paolo Bellofiore

    A me sembra che ci manchi sempre l’autonomia fisica negli ultimi 20-30 minuti. Nel secondo tempo di ieri sera inoltre non c’erano punti di riferimento a centrocampo. Mancando sia Marchisio che Khedira , nessuno e’ stato in grado di indirizzare eventuali ripartenze. Come fa l’Atalanta a correre tanto nei finali di partita? Cerchiamo di comprenderne i metodi.

    • cinquemaggio

      Aspetta che si fermino gli altri
      😉

      • Paolo Bellofiore

        Si. Magari e’ proprio così.

    • nickriviera

      L’atalanta corre tanto perchè corre bene, i giocatori si muovono da squadra e non individualmente, dovessero basarsi esclusivamente sulle loro capacità di lettura offensiva sarebbero nella seconda metà della classifica e non dove sono ora. Il loro movimento e il pressing sono collettivi: in questo contesto i giocatori si esaltano e sono in grado di fare anche di più di quanto il loro talento consentirebbe. Ieri sera nel finale pure konko pareva un giocatore di calcio. Il loro ritmo non è salito per un nostro calo di concentrazione, ma per la nostra incapacità sopravvenuta di uscire puliti dal pressing e quindi di offendere. Se smetti di essere pericoloso negli spazi che ti concedono quando sei avanti nel punteggio (a maggior ragione in europa), puoi beccare due gol in cinque minuti anche dall’atalanta.

      • Paolo Bellofiore

        Dal che si può concludere che Gasperini sarebbe un Mister sicuramente meritevole di una collocazione in una “big”. In effetti l’occasione la ha avuta a suo tempo con l’Inter , ma sappiamo come è andata. Per quanto riguarda l’Atalanta di quest’anno, conta anche la circostanza favorevole di avere a disposizione giocatori adatti per certi schemi.

        • nickriviera

          Gasperini è bravo, un po’ troppo “piangina” per certi versi ma gli va riconosciuto di aver messo in piedi una squadra che gioca davvero un calcio propositivo, in italia merce rarissima. Non credo tanto che abbia trovato interpreti favorevoli al suo concetto di calcio, penso invece abbia stimolato quanto a disposizione con un gioco che coinvolge ed esalta i singoli. Per dirne uno, gagliardini mi ha fatto una grandissima impressione, ma non mi stupirei nel vederlo perdersi nel “frullatore” di appiano gentile (spero per lui che abbia capito a cosa sta andando incontro).

  • Paolo

    Purtroppo alcuni hanno visto solo gli ultimi 25 minuti. Nei primi 65 l’Atalanta è stata in balia della Juventus, e tra rigori non dati e gol divorati si potevano fare tranquillamente altri 2-3 gol senza rubare niente.

    Poi se alcuni giocatori crollano fisicamente è colpa di Allegri che li fa giocare, se invece qualche altro, giocando ieri, non avrebbe potuto garantire piena autonomia per la partita di Firenze, sarebbe stata sempre colpa di Allegri.
    Come è colpa di Allegri dover giocare con Asamoah e Lichtsteiner invece degli altri terzini disponibili?

    Con questo non voglio assolutamente dire che dopo il 2-0 sia stata una bella partita, tutt’altro, ma stare sempre a sminuire qualsiasi cosa positiva fatta in campo e soprattutto a considerare tutti gli avversari come inesistenti è patetico.

  • max79

    Il centrocampo continua a denotare limiti imbarazzanti, con l’uscita dal campo di marchisio non c’era nessuno in grado di gestire il pallone tra i piedi in maniera decente! Per pochezza tecnica, scarsa condizione o mancanza di personalità, ognuno si faccia la propria idea, l’aspetto palese è che non riusciamo a gestire le singole fasi all’interno della partita! Lo stesso allegri continua a dire che diamo sempre la sensazione di poter subire gol, un pessimo segnale che naturalmente anche gli avversari percepiscono…Purtroppo dovremo fare di necessità virtù, i limiti di questo reparto ce li porteremo fino a fine anno, la speranza è che i due fenomeni che abbiamo in attacco sopperiscano alle carenze strutturali di quello che era, fino a qualche anno fa, il nostro punto di forza.

  • Aldebaran

    Due considerazioni, la prima che i continui e sempre più frequenti cali di tensione appena passati in vantaggio, sembrano il sintomo di fine ciclo di un allenatore, per me siamo al capolinea dell’era Allegri anche se dovesse vincere tutto è il momento giusto di cambiare prima che sia tardi.
    Seconda considerazione su un fatto di cui sento parlare molto, ed è il discorso che si entrerà in forma a Marzo. Può essere che si cerchi di risparmiare energie per arrivare a primavera non spremuti, ma il discorso che dopo un mese di preparazione (Agosto) rimaniamo imballati per 6 mesi per farne due in forma direi che non ha senso.