#ASKJVTB – Le differenze tra la Lista B e gli Under 21

Quali sono le principali differenze tra la Lista B della Champions League e Lista Under 21 per la Serie A?. Grazie.

Dalla stagione 2016-2017 le norme Figc entreranno definitivamente in vigore e andranno a ricalcare quanto già stabilito dalla Uefa per le proprie competizioni; non esistono differenze regolamentari nella lista dei 25 giocatori, ma le richieste assumano versioni diverse per quanto riguarda le liste aggiuntive.

La Uefa concede ai club la possibilità di presentare una Lista B dove, per la stagione 2016-2017, possono essere inseriti giocatori nati dal 1 gennaio 1995 e utilizzabili dall’attuale società d’appartenenza per un periodo ininterrotto di due anni dal quindicesimo anno d’eta a partire da quando viene registrato all’Uefa; i calciatori di 16 anni possono essere inclusi in questa lista se tesserati presso l’attuale club nei due anni precedenti senza alcuna interruzione. Qualsiasi club può presentare un numero illimitato nella Lista B.

La Figc ha invece stabilito di concedere alle società la possibilità di utilizzare, oltre i calciatori inseriti nella lista dei 25 calciatori, giocatori tesserati, sia di proprietà che in prestito, che alla data del 31 dicembre della stagione sportiva precedente (31 dicembre 2015 per il prossimo anno calcistico) non abbiano già compiuto il ventunesimo anno d’età.

Se la Uefa quindi pone dei paletti precisi e definiti anche per quanto riguarda la lista B, la Figc ha scelto di dare la possibilità alle società di Serie A la libertà di utilizzare tutti gli Under 21 a disposizione.